Coumadin 5 Mg Yan Etkileri Diclofenac Ratiopharm 100mg Crestor Birth Control Pills Large Lithium Batteries For Sale Actonel Monthly Pill

La corsa degli Scalzi

Come da tradizione, ogni prima domenica di Settembre Cabras vede rinnovarsi un rito risalente al
XVII secolo.
Parliamo di una delle feste religiose e civili più iconiche della Sardegna centro-occidentale: la
Corsa degli Scalzi.
Il primo sabato di Settembre la statua di Santu Srabadoi (San Salvatore) viene prelevata dalla
Chiesa di Santa Maria Assunta e portata all’interno della chiesa del piccolo villaggio di San
Salvatore.
Numerosi fedeli (is curridoris) portano il santo in spalla, attraversando un tragitto di 7 km a piedi
nudi, vestiti di una tunica bianca e un cordone alla vita.

La leggenda
Questo evento prende il nome da una lontana vicenda del 1619 d.c., quando gli abitanti della
cittadina, per impedire ai Mori di rubare la statua del Salvatore durante uno degli assedi,
prelevarono la stessa e iniziarono a correre.
Secondo il mito, per sembrare più numerosi, gli Scalzi trascinarono dei rami con l’obiettivo di
risultare più numerosi e mettere in fuga gli invasori.
Gli Scalzi riuscirono nell’intento, mettendo in fuga i Mori spaventati all’idea di fronteggiare un
esercito numeroso.
Da quel giorno, ogni anno, per ricordare questo avvenimento, il rito viene ripetuto da oltre 800
“curridoris” come un rinnovamento del voto.

Andata…
La celebrazione ha inizio con la messa in onore di San Salvatore alle 6:30 nella chiesa di Santa
Maria Assunta. Is Curridoris daranno inizio alla corsa per 7 km con in spalla il simulacro di San
Salvatore, portando il santo nella chiesa del villaggio omonimo.
Nel villaggio si svolgerà una seconda messa, seguita successivamente dai festeggiamenti civili
con la sagra del muggine alle 19:00 contornata da spettacoli dal vivo.

… e Ritorno
Alle 17:30 si celebrerà la messa presso la chiesa del villaggio si San Salvatore.
Alle 18.30 is Curridoris faranno ritorno a Cabras, riportando la statua presso la chiesa di Santa
Maria Assunta. Lungo il tragitto, saranno accompagnati da “is goccius”, canti sacri in onore del
Santo
La sera, intorno alle 19:30, potrete assistere allo spettacolo pirotecnico in Piazza Stagno.

Menu